Prima l'arrampicata, <br> poi la pausa

Prima l'arrampicata,
poi la pausa

Arrampicarsi su suggestivi affioramenti rocciosi e terreni impegnativi, poi stare orgogliosamente in cima alla croce - l'arrampicata dà la sensazione di aver conquistato la montagna. Sulla via ferrata di Heini Holzer all'Ivigna, la giovane coppia Klara e Manuel ha vissuto proprio questo. L'avventura si è conclusa perfettamente con un accogliente brunch al rifugio Kuhleitenhütte.
"Dovresti essere libero dalle vertigini", dice Klara, "ma per il resto la via ferrata Heini Holzer è davvero buona da gestire, il che porta con sé un po' di resistenza". Lei e il suo compagno Manuel hanno appena terminato la discesa e si sono seduti insieme alla loro guida e agli altri scalatori per un brunch.

Il gruppo è partito presto la mattina alle ore 6.00. "Siamo stati subito entusiasti di affrontare la via ferrata insieme ad una guida. Conosceva la strada e poteva raccontarci tutte le curiosità e i fatti piú interessanti sui dintorni. Abbiamo preso in prestito il set per via ferrata comodamente dal negozio Stricker della stazione a monte", spiega Manuel.
Prima l'arrampicata, <br> poi la pausa
Prima l'arrampicata, <br> poi la pausa
Una via di arrampicata sicura e promettente
La via ferrata, che conduce per oltre un chilometro alla vetta dell'Ifinger, non esiste da molto tempo: è stata inaugurata nel 2016 e dedicata all'alpinista Heini Holzer, il padre dello sci da parete ripida. Klara ci racconta entusiasta del tour: "Ci sono volute circa tre ore per salire. In sostanza, classificherei il grado di difficoltà come mediocre, anche se c'erano già alcuni passaggi più difficili tra loro."

Ad esempio, il cosiddetto bordo dell'angelo, che si trova nell'ultima parte della via ferrata. Tuttavia, tutte le parti difficili sono state disinnescate con calci. "Inoltre, l'intero percorso è assicurato con una fune d'acciaio, che si può usare per proteggersi", dice Manuel. "Stare in cima alla vetta, sentire il vento fresco in faccia e godere della lungimiranza è semplicemente indescrivibilmente bello. Torneremo sicuramente", sono d'accordo i due.
Condividi con gli amici

SCOPRI DI PIÚ

Altre idee e suggerimenti per te

LEGGENDE <br> INTORNO A S. OSVALDO

LEGGENDE
INTORNO A S. OSVALDO

Storia, leggende e usanze intorno all'amata Santa Messa all'aperto presso la chiesetta di Sant'Osvaldo e il ruolo importante della figura storica del Santo e la sua importanza per la pastorizia.
Habitat naturale <br> malghe

Habitat naturale
malghe

Incantevoli scorci di un territorio – quello del comprensorio Merano 2000 – caratterizzato da malghe alpine la cui gestione ecosostenibile è non solo tradizione, ma anche conservazione attiva del paesaggio.
©Azienda turistica Scena_Dietmar Denger

Sopra, in alto
in parapendio

Il sole fa capolino da dietro le maestose cime che svettano sopra Merano, dal Re Ortles oltre l’Alta Val Passiria e le Dolomiti. Nella luce dell’alba, il Catinaccio si tinge di morbide tonalità rosate.
Arrivare
Il tuo tempo libero facilmente raggiungibile.
Contatto
Merano 2000 Funivie Spa
IT00124390212
meran2000@pec.it
Curioso di notizie?
Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato.
 
Abbonati
 
 
Festa dei bambini
01.06.2024 - Divertimento e giochi d'avventura
Scopri di più >